E poi nemmeno un suono

Tu sei qualcosa che non sento.
Argine secco di riva, vecchio
tormento assopito, crosta
ferita di terra, violenza umiliata
e mutilato amore.

Tu sei ormai parola ripetuta,
solo suono, e poi
nemmeno un suono,
assorbita nella spirale
dei nostri silenzi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...