Come una foresta ad agosto i piromani

Hai fatto di tutto per farmelo capire
ho fatto di tutto per rifiutare di capire
la realtà nuda, accecata dal forte bisogno che ho
di credere in te. Le tue ossa scoperte
che mi hai chiesto di guardare
che ho guardato senza poterti comunque raggiungere
fissando il limite che ci sovrasta. La spiaggia
dove mi tieni insieme agli altri rifiuti,
mentre te ne vai come una lampara all’orizzonte
e vorrei che avessi un nome meno comune
per non sentirti ovunque, per non vederti ovunque
nelle facce dei serial killer che ti somigliano
con quegli occhi verdi vicini che hai
con quegli occhi liquidi sfuggenti che hai
con quegli occhi serrati ostinati che hai
che vorrei smettere di vedere ovunque

tipo certe mattine che prendo il caffè al bar
con chiunque capiti, dicendo praticamente niente
al cameriere, tranne un caffè macchiato e un cornetto piccolo,
fumo la prima sigaretta della giornata
penso al colore dei cappelli dei turisti
a una canzone che ho scelto per te
che avrei voglia di chiamarti, cantartela al telefono
(che poi nemmeno so cantare)

fossi stata figa con una bella voce una chitarra i capelli lunghi e scalza
forse ti sarei piaciuta, almeno avrei potuto cantarti le canzoni al telefono
invece che provare a farti ridere, o la questione delle braccia
che mi sento vuote, o il calore devastante come una foresta ad agosto i piromani
o il fatto che cerco di dimenticarti tutti i giorni
mentre mi fumo la cazzo di sigaretta
e la spengo
nel bicchierino del caffè.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...