Breccia

Ti ho detto ogni desiderio è mancanza
della propria stella.
Questo spiega tutto mi hai risposto.

Credo di avere provato a farti ridere,
per non essere costretta a sostenere
la gravità dei tuoi pensieri
i buchi che mi stavi aprendo dentro
come una sigaretta accesa tra le dita,
e voglio credere che tu mi abbia sorriso.

Mi chiedevo ci resterà qualcosa
da proteggere o niente,
non avremo inverni,
mentre cercavi di attraversare il mio silenzio
che comunque non potevi vedere
e ti ascoltavo come si possono ascoltare gli ultrasuoni,
e ho pensato a Elena, alla tua mail di due righe
che diceva che avrei dovuto smettere
di cercare una breccia
negli altri e trovare invece
chi l’aprisse in me.

Ma io ho continuato a cercare
negli altri una breccia, per vedere
cosa potevo vedere,
quanto potevo conoscere, quanto potevo
assorbire, e riconoscere, conquistare,
quanto potevo amare, fino a dove
mi potevo spingere, finché non ho capito
che quella breccia volevo fortemente aprirla in te.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...