Un nascondiglio non è un gioco è una speranza

Chiamarti gentile la prima volta, la seconda
cara. Avvicinarmi al tuo cuore scalza senza infierire
sulle assi rovinate di legno, sentirti prossima nell’amore
condiviso. Tu prima tu sola tu sciolta dal mondo che cammina
con la fronte stramazzata e la speranza del sabato. A me
è rimasta la fiducia, Cetta, la fiducia mi è rimasta
dall’aprile del duemilasette, andando sul treno incontro
al mio burocratico futuro, mi è rimasta come un nascondiglio
l’ostinazione il tentativo di morire
ma mai da sola, ho la fiducia
che qualcuno mi trovi perché al mondo
non esiste gioco senza lieto fine e so
che da qualche parte è ripresa la conta.
Quindi mi faccio tana col corpo mi faccio piega mi faccio
buco, finché qualcuno non mi viene a cercare mi dice
smetti di sperare ti ho trovata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...