In principio era niente

Una volta era più facile. Una volta disegnavi sulla roccia un dinosauro, un albero,  un uomo, e poi lo coloravi di rosso. Quando ti stancavi uccidevi un animale, oppure prendevi la tua donna per i capelli, l’annusavi e la giravi di schiena. Poi s’è cominciato a enumerare: i giorni di pioggia, i giorni di secca, i giorni di luna, i giorni di niente. E poi è stato sempre peggio.

Dopo sono arrivati Dio, Adamo ed Eva, il Serpente e il Verbo. Perché prima non c’era niente. Prima c’erano solo foglie e zampe. Poi qualcuno ha avuto bisogno di raccontare. Come di pisciare di mangiare di riprodursi: di raccontare. Il Verbo non ha saputo dividere il bene dal male, la gioia dalla colpa, la strada dall’errore. Il Verbo ha solo complicato le cose. Se prima per essere amata da qualcuno ti bastava girarti di schiena, ora speri che sulla schiena qualcuno ti scriva una storia.

Poi è stato il turno di Jane Austen, di Goethe, di Shakespeare. E quello è stato un colpo mortale. Perché a quel punto si è avuta la conferma che le storie servono per complicare l’amore. Adesso c’è gente che vorrebbe scrivere e fare innamorare, e gente che spera di leggere cose che facciano innamorare.

Annunci

7 pensieri su “In principio era niente

  1. “… e gente che spera di leggere cose che facciano innamorare.”
    come questa:
    torna sovente e prendimi,
    palpito amato, allora torna e prendimi,
    che si ridesta viva la memoria
    del corpo, e antiche brame trascorrono nel sangue,
    allora che le labbra ricordano, e le carni,
    e nelle mani un senso tattile si raccende.

    torna sovente e prendimi, la notte,
    allora che le labbra ricordano, e le carni…

    Kavafis, 53 poesie

  2. a Marta: grazie per il link, sono passata da te e passerò di nuovo.

    a marettolina: non che straveda per Kavafis, in realtà. ^^ Però so che lo sai quanto sia possibile prendere una cotta per una menzogna detta bene. ;)

    a Marco: grazie, auguri anche a te.

    a Gloria: sì, il problema è proprio lei, la letteratura. (ma da certi amori ti lasci logorare senza opporre neanche troppa resistenza.) :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...