17 giugno 2009

Fuori di qua non c’è passione. Il cuore vuole correre a ventri sciolti, svuotarsi del tutto e andare.

In questo punto in questo momento ci sono io e le parole attorno non mi toccano, non mi colpiscono. Le parole in fondo mi feriscono soltanto.

Non ce la faccio, ce la devo fare. Nella filosofia del linguaggio qualcosa non funziona. Un corto circuito nella bocca di Wittgenstein e io svenuta sull’ombra secca del pavimento.

Fuori di qua non c’è passione. Mi sale come una malattia, un’affezione, un mormorio di colli e gole aperte al cuore. Non sento niente, non sento dolore.

E invece mi riempio di piccole menzogne con una siringa sottile in punta ad ogni vena.

La mano ha solo voglia di gettare i fogli. Asciugare il sudore nero di questi mesi rotti.

Se sbatto le palpebre veloci come ali il tempo non passa, più.

(So che non dovrei eppure piango ancora.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...