à.

Sente di nuovo l’ansia di perdere. Sente il cuore che si scioglie nello stomaco come una pasticca cattiva. E poi risale, liquido e rosso a infiammare la gola. Sente che tu scompari e non ti vuole lasciare. Sente le unghie sulle tue fotografie mentali. Sente il colore dei tuoi occhi e il tuo sorriso duro dentro il petto. Sente che scompari e non vuole lasciarti. Sente che c’è già qualcuno al posto suo, che ti coccola e ti annaffia come una pianta fragile. Sente che ti dimentichi di lei, che il suo ricordo si scioglie nelle acque fredde del nord. Sente una cosa strana che non si chiama amore e non si chiama gelosia. Anzi, sente che si chiama amore. Sente che sta perdendo e ha paura. Sente che non è giusto che sia una sfida. Sente che qualcosa, almeno qualcosa, debba essere comunque destinata alla salvezza, che non debba sparire mai. Sente che tu sparisci e lei non vuole saperne di cancellarti. Sente che molli la presa. Sente che ti vuole dentro. Sente che ti vuole subito.

Annunci

Un pensiero su “à.

  1. non sempre quando la fune smette di tirare significa che all’altro capo c’è qualcuno che ha mollato la presa. magari è solo scivolato, e con le mani ancora salde alla corda – la corda non più tesa – sta cercando di puntare i piedi e rialzarsi. per ricominciare a tirare ancora.

    io credo: certe cose non si dimenticano, certe cose non si perdono. e certe persone non spariscono.

    ti abbraccio forte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...