Assurdo (amore)

Assurdo cosa accadde quando ti vidi per la prima volta. Portavo un cuore entrando nella stanza ma uscendo non lo avevo più. Amore, come vetro, lo infranse al primo colpo.

Quanto tempo è passato da quel temporale. Un rimedio, ti avevo dato, per le corde vocali. E tu mi hai disegnato una libellula che dice “vola da solo”. L’avrei dovuta prendere in parola, ma io non seguo mai la prima strada.

Poi un numero di cellulare sul quale ancora, sei anni dopo, ti fai chiamare. E da lì mille peripezie, traversate atlantiche, ultracontinentali, case nelle valigie e valigie nei corridoi, belle scatole da conservare, stivare, per ricordare, accumulare nastri, carte, fotografie, passamanerie.

E adesso ho voglia di contatto, di scriverti e parlarti, volgermi a te, ritornar nella tua vita, restituirti quello che mi hai dato. E nonostante il cuore infranto, da lontano… ho voglia d’esser grato.

Ieri sono stato sotto dove adesso c’è un enorme specchio e finalmente ho ritrovato il disco dei Black Sabbath. Se lo guardi girare può ipnotizzare: etichetta a spirale diventa un cono che sale (sale sale sale) tridimensionale.

Era una notte golosa di musa, una candela devo avere accesa nell’illusione di rimaterializzare il nostro disordine speciale di abbigliamenti sbagliati, casuali, odori eterosessuali. E una vasca da bagno. E noi… immersi nel vino rosso… brindare…

Assurdo cosa accadde una volta uscito da quella stanza: trasformazione radicale di tutto il mio universo. Il cuore in pezzi separati, nel petto, conservati come i frammenti degli specchi su cui rifletto mille volti che posso scegliere, desiderare, idolatrare, venerare, provare piacere carnale.

Ma dopo un tale amore
non possono più amare.

Morgan, Amore assurdo

Advertisements

7 pensieri su “Assurdo (amore)

  1. Straordinario! Amo così il tuo modo di scrivere che mi sono permesso di estrarre frammenti del tuo scritto per postarlo sul mio blog. Se non lo avrai gradito sono pronto ad oscurarlo.

    P.s. Si può ancora Amare… Credimi!

    con affetto e stima

    Marco

  2. Che bella esternazione! che belle parole….cariche,tristi…. l’amore si può oscurare ma non si potrà mai arenare..il ricordo lo si porterà per sempre sul viso…

  3. Arrivo, in punta di piedi, via Heaven on Hearth.
    Posso solo dire questo: che mi è sembrato di leggere brani della mia vita.
    Ciao.

  4. Per chiarire, il brano che ho postato è semplicemente il testo della canzone di Morgan. Non c’è niente di mio se non (piccola illazione che mi sono permessa) la trascrizione prosastica della canzone.
    Detto questo, immagino che Morgan vi ringrazierebbe per i complimenti, o, nel caso di jotaro, per la sincerità. :)

  5. a testa bislacca:
    grazie per la tua delicatezza. ho visto il tuo spazio e anche a me è sembrato di leggere parti della mia vita. (vogliamo parlare delle pause-piumone? :) ). Grazie. ^_^

  6. ultimamente m’è capitato di ascoltare molto spesso questa canzone…bellissima, e bella sorpresa trovarla qui da te:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...