L’estate mi rende frivola

L’estate mi rende superficiale.

Frivola, annoiata e sociale.

Non preferisco, d’estate, la solitudine.

Rientro perfettamente nella media,

nel rango di quelli che sguazzano

tra salvagenti, profilattici e rapporti estivi.

L’estate mi rende passiva, indulgente

e la musica, la mente, mi assomiglia:

quattro accordi, un ritornello, un gioco

da spiagga, una biglia, una paletta.

D’estate mi viene in mente

che vorrei essere superficiale sempre

piena di gonne corte e rime aabb.

Invece, voilà, l’estate mi rende inciso

chiuso in mezzo a due parentesi.

Annunci

2 pensieri su “L’estate mi rende frivola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...