Secondo giorno romano (parte seconda)

Ah, allora scherzavi.

Allora hai fatto tutta la splendida per prendermi per il culo.

E la pioggia, e l’acquazzone, e l’ansia, la tensione.

E invece era tutto bluff. E’ stato tutto leggero, teso, ma leggero.

Ma io ti vedo eh. E ti guardo. E non mi freghi.

Roma, domani non mi freghi.

2 pensieri su “Secondo giorno romano (parte seconda)

  1. Ti ho sentita oggi. Mi sa che Roma non ti ha fregato…o tu sei stata più furba di lei.
    Domani ti vedo… dopo 4 anni vedi il luogo in cui vivo quando siamo lontane, quando pensiamo ai giorni che mancano per rivederci, quando siamo distanti anche con la mente.
    Ti abbraccio. Domani. :)

  2. Beh no Roma non ti frega. Ti mette alla prova. Mette alla prova te e i tuoi fragili nervi.
    Hai vinto la prima sfida mi sa… E sai che so benissimo che riuscirai a vincere la guerra. Come sempre alla fine. Con me o senza di me.
    E oggi dopo 4 anni vedi il luogo in cui vive Mari quando siete lontane, e contate i giorni prima dell’abbraccio. Per poi frenare il tempo in modo che non arrivi un altro abbraccio più triste.
    Mi commuove la situazione. Mi commuove saperti viva, in una stazione che non conosco, verso un’altra che ti sarà più familiare.
    Buon week-end donne!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...