Stella del mio assassino

https://violentafiducia.wordpress.com/2008/01/30/stella-dellassassino/

…E tu dimmi non soffri?

Ho divelto il cuore e la radice

per sanarti il respiro nella carne.

Sei fuoriuscito dal mio petto

come un cuore, con la violenza

di un germoglio nella gravità del parto.

Ora che del mondo saggi la durezza

non c’è alba o rugiada che possa addolcirti,

ma una notte cupa di tenebra e un eterno

inverno è la tua anima, nera e vuota

di stelle. E sola è rimasta in me

giunchiglia o canna che inasprisce il pianto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...